mercoledì 8 ottobre 2014

Sinodo, comandano gli «amici del mondo» (Matzuzzi)

Clicca qui per leggere il commento segnalatoci da Laura.

4 commenti:

carmelina ha detto...

"Poi, con il dibattito che è entrato nel vivo, il fronte dei favorevoli all’aggiornamento ha fatto subito la parte del leone. Dei settanta interventi che si sono susseguiti tra il pomeriggio di lunedì e la mattinata di ieri – ieri hanno parlato, tra gli altri, i cardinali Sarah, Versaldi, Piacenza, Filoni - la grande maggioranza ha abbracciato le tesi esposte nel Concistoro dello scorso febbraio dal cardinale Walter Kasper. Un po’ a sorpresa, almeno nella portata numerica che ha sopravanzato di molto l'altro fronte."
Un po' a sorpresa?!?! "Un po' a sorpresa de che?! Ma ancora appresso alla pantomima del "sinodo senza copioni"? Ma ancora appresso alla litania/baggianata della "fronda curiale conservatrice criptolefebriana" a totem Bergoglio? Ma matzuzi non capisce o finge di non capire? Ma quale "altro fronte"? Ma quali "nemici del nuovo corso"?
MA DI CHE STIAMO PARLANDO?
Il "sinodo" (quello veramente senza copione) e' durato 8 anni a colpi di accoltellamenti, avvelenamenti, calunnie, agguati, colpi bassi, guerriglie, e alla fine IL PONTEFICE BENEDETTO E' RIMASTO SOLO CON L'INTERA CHIESA CHE GLI HA VOLTATO LE SPALLE. L'INTERA CHIESA CHE AL MOMENTO DELLA RINUNCIA HA AVUTO LA FACCIA TOSTA DI MOSTRARSI "ESTERREFATTA".
Totem Bergoglio, da astuto esattore, si sta limitando a raccogliere le puntate vinte. Ecco cosa sta accadendo nella Chiesa oggi, senza troppi giri di parole e frescacce agiografiche.

maura ha detto...

" mettere Gesu' al centro di tutto , unica pietra su cui costruire "
a me piace la radicalita' di questo Sacerdote ! Secondo me abbiamo bisogno di tornare alla retta dottrina , ad essere cristiani serii e non all'acqua di rose http://www.parrocchiasanmichele.eu/

Anonimo ha detto...

Purtroppo, concordo con Carmelina. E temo di avere ragione, con lei. In ogni caso, anche avessi torto, non cambierebbe nulla. Quand'anche al sinodo si ribadisse la santitá della dottrina cattolica di sempre, verrebbe presentato come una rivoluzione copernicana, cosiccome avvenne per certi versi col concilio. E Chi l'ha indetto non poteva non saperlo. Spero ardentemente di essere smentito dai fatti, ma in questa realtá virtuale che ci circonda, i fatti non contano.
Marco

gemma ha detto...

Se la discussione non fosse stata amabile ce lo dicevano? Piacenza poi era considerato un conservatore ... Per l'allontanamento dal suo ruolo ho sentito tradizionalisti dispiacersi e qualcuno gridare alla deratzingerizzazione. Mi chiedo se ci si renda conto, dopo che ci si sarà inginocchiati per bene dinnanzi al mondo, che nessun ammonimento sarà più credibile da parte di una madre che tanto alla fine ti da ragione, anche se non ti ravvedi. Proprio mentre si beatifica Paolo VI che tanto si espose contro la legge sul divorzio, si legittima il divorzio. Si parla tanto di ferite dei divorziati ma le vere ferite sono quelle che chi lascia la famiglia infligge ai figli avuti in quella famiglia. Non è un gran messaggio che parole come giuro e per sempre non abbiano più valore nemmeno se pronunciate dinnanzi a Dio. In quanto al sinodo iniziato otto anni fa sono d'accordo con te carmelina, tutto troppo rapido ora per non essere stato preparato per bene prima, compresa la raccolta firme. Mi torna alla mente quel che lessi tempo fa e ripreso pure da Socci riguardo ad una raccolta di firme per indurre BXVI alle dimissioni dietro minaccia di scisma. Mi spiace, ma alla luce di certe dichiarazioni da parte di alcuni vescovi mi pare ipotesi sempre più credibile.