mercoledì 11 luglio 2018

venerdì 29 giugno 2018

67° Anniversario dell'ordinazione sacerdotale di Benedetto XVI: l'omaggio del blog (YouTube)



LINK DIRETTO SU YOUTUBE

Il 29 giugno 1951, Solennità dei Santi Pietro e Paolo, l'allora ventiquattrenne Joseph Ratzinger veniva ordinato sacerdote a Frisinga insieme al fratello maggiore George al quale estendiamo i nostri sinceri auguri.
In questo video, realizzato da Gemma, rivediamo le immagini di quel giorno così importante arricchite dal racconto del Santo Padre e dalle parole scritte dall'allora cardinale Ratzinger nell'autobiografia "La mia vita". 
Il video è impreziosito anche da altre immagini che hanno visto il futuro Benedetto XVI crescere come sacerdote e come uomo.
Auguri, Papa Benedetto! 
Ad multos annos! Le vogliamo bene e La abbracciamo.
Il Blog

domenica 24 giugno 2018

Sei tu? Benedetto XVI spiega in la risposta di Gesù alla domanda del Battista valida in tutti i tempi (YouTube)



LINK DIRETTO SU YOUTUBE

Grazie al lavoro della nostra Gemma analizziamo lo stralcio dell'omelia di Papa Benedetto presso la parrocchia di San Massimiliano Kolbe da un altro punto di vista squisitamente teologico. Si tratta di uno straordinario brano "a braccio". 
Lo riproponiamo oggi, Festa della Natività di San Giovanni Battista.
Buona domenica a tutti :-)
R.

Il 12 dicembre 2010 Benedetto XVI si recava in visita pastorale presso la parrocchia di San Massimiliano Kolbe a via Prenestina (Torre Angela), nel settore est della Diocesi di Roma. Oltre a tratteggiare la figura del Santo che sacrificò la propria vita pur di salvare quella di un padre di famiglia.
 (clicca qui), il Papa spiegò in modo straordinario il senso della domanda di Giovanni il Battista (in carcere) a Gesù: "Sei tu?" e la risposta del Signora valida per tutti i tempi.
Il testo dell'omelia si trova qui.

In particolare:

"Abbiamo sentito nel Vangelo la domanda del Battista che si trova in carcere; il Battista, che aveva annunciato la venuta del Giudice che cambia il mondo, e adesso sente che il mondo rimane lo stesso. Fa chiedere, quindi, a Gesù: "Sei tu quello che deve venire? O dobbiamo aspettare un altro? Sei tu o dobbiamo aspettare un altro?". Negli ultimi due, tre secoli molti hanno chiesto: "Ma realmente sei tu? O il mondo deve essere cambiato in modo più radicale? Tu non lo fai?". E sono venuti tanti profeti, ideologi e dittatori, che hanno detto: "Non è lui! Non ha cambiato il mondo! Siamo noi!". Ed hanno creato i loro imperi, le loro dittature, il loro totalitarismo che avrebbe cambiato il mondo. E lo ha cambiato, ma in modo distruttivo. Oggi sappiamo che di queste grandi promesse non è rimasto che un grande vuoto e grande distruzione. Non erano loro.

E così dobbiamo di nuovo vedere Cristo e chiedere a Cristo: "Sei tu?". Il Signore, nel modo silenzioso che gli è proprio, risponde: "Vedete cosa ho fatto io. Non ho fatto una rivoluzione cruenta, non ho cambiato con forza il mondo, ma ho acceso tante luci che formano, nel frattempo, una grande strada di luce nei millenni".

Cominciamo qui, nella nostra Parrocchia: San Massimiliano Kolbe, che si offre di morire di fame per salvare un padre di famiglia. Che grande luce è divenuto lui! Quanta luce è venuta da questa figura ed ha incoraggiato altri a donarsi, ad essere vicini ai sofferenti, agli oppressi! Pensiamo al padre che era per i lebbrosi Damiano de Veuster, il quale è vissuto ed è morto con e per i lebbrosi, e così ha portato luce in questa comunità. Pensiamo a Madre Teresa, che ha dato tanta luce a persone, che, dopo una vita senza luce, sono morte con un sorriso, perché erano toccate dalla luce dell’amore di Dio.

E così potremmo continuare e vedremmo, come il Signore ha detto nella risposta a Giovanni, che non è la violenta rivoluzione del mondo, non sono le grandi promesse che cambiano il mondo, ma è la silenziosa luce della verità, della bontà di Dio che è il segno della Sua presenza e ci dà la certezza che siamo amati fino in fondo e che non siamo dimenticati, non siamo un prodotto del caso, ma di una volontà di amore".

sabato 16 giugno 2018

Gnosticismo, antica eresia. Ma ecco come ricompare oggi (Magister)

Clicca qui per leggere l'articolo.
Buon sabato a tutti :-)
R.

Burke-Avvenire: cronaca di uno scontro

Clicca qui per leggere l'articolo.
Ricordo che il protagonista della vicenda si distinse in modo particolare, su tutti i quotidiani, all'indomani della scomunica ai quattro vescovi lefebvriani. Ovviamente il bersaglio era Benedetto XVI. Ci stupiamo?
R.