giovedì 16 gennaio 2020

"Maladetto sia tu che tacesti”. Oimè, non più tacere...". Introduzione e conclusione del card. Sarah e di Benedetto XVI (Tosatti)

Clicca qui per leggere i due testi.
Sposo parola per parole le considerazioni di Marco Tosatti sui commenti vomitati in questi giorni dal fior fiore dei misericordiosi e dei tolleranti.
Comunque consoliamoci con il fatto che il libro è già campione di vendite e che a noi che vogliamo bene a Benedetto e al card. Sarah restano nero su bianco le parole scritte da entrambi, cioè il contenuto del libro.
Ad altri restano il rancore, la cattiveria e la consapevolezza di avere, ancora una volta, denigrato e offeso un uomo buono la cui unica colpa è quella di amare Cristo e la sua Sposa.
R.

Matthew Schmitz: Nella Chiesa di oggi ogni chiara affermazione di ortodossia viene interpretata come sfida all'autorità del papa regnante

Clicca qui per leggere l'articolo in inglese.

E' assolutamente vero ciò che scrive Schmitz e che ho riprodotto nel titolo del post.
Tale considerazione è chiara a tutti come è altrettanto chiaro che essa non costituisce di certo un problema per Papa Benedetto o per il card. Sarah o per noi fedeli. E' l'odierna chiesa che dovrebbe domandarsi come mai qualsiasi richiamo alla teologia, al diritto canonico, alla liturgia e alla dottrina viene visto come un attacco all'autorità.
In ogni caso ci sono due modi per reagire a concetti espressi così chiaramente: si può rispondere pacatamente e con argomenti solidi oppure si può offendere e screditare.
Il primo metodo è quello di Papa Benedetto, il secondo non è nemmeno degno di essere preso in considerazione.
R.